News Pagina 2

Domenica 2 ottobre è stata organizzata un'uscita con ospiti, familiari, volontari e operatori della struttura CRA Meridiana 2 di Bellaria-Igea Marina. Nel pomeriggio assolato, tutti insieme hanno fatto una passeggiata fino alla vicina chiesa di Bordonchio per la celebrazione della festa della Parrocchia e dei Nonni. Sono stati accolti da Don Enzo nella vasta area all'aperto allestita con stand culinari, attività ludiche, pesca di beneficenza e tanto altro in un'atmosfera allegra e spensierata resa ancora più gioiosa dai giochi dei bambini e dalla musica dal vivo.

Un ringraziamento a tutti coloro che hanno partecipato e reso possibile questo evento.

Giovedì 8 Settembre gli ospiti della CRA La Meridiana di Cesena si sono recati presso la Fattoria Didattica “Il Campo dei fiori” per vivere una mattinata a contatto con la natura e gli animali.

Partiti poco prima delle ore 9,00, con tanto entusiasmo ed emozione, sono stati ricevuti all’arrivo in fattoria da alcuni familiari (figli e nipoti degli ospiti) che sono rimasti con il gruppo per tutto il tempo della visita. Il programma ha previsto la visita dell’azienda, le coltivazioni, le serre e gli animali. Dopo una piccola merenda a base miele di produzione dell’azienda Agricola, si è proceduto con il laboratorio “mani abili” che ha visto la realizzazione di graziosi spaventapasseri, riportati in Struttura come piccoli trofei. “E’ stata una giornata bellissima – riporta un ospite della CRA – mi sono divertita moltissimo, io amo gli animali e le piante. – riporta un ospite della CRA –. Lo spaventapasseri l’ho portato con me, è venuto molto bene. Spero di poter partecipare anche alla prossima gita.”


Il Centro Diurno Roverstella, sito a Cesena, è il servizio di accoglienza diurna per adulti anche Senza Fissa Dimora. È’ aperto, tutti i giorni dalle 15:30 alle 19:30, a tutti coloro che intendono trascorrere alcune ore in compagnia, con possibilità di animazione, informazione ed ascolto. Quotidianamente gli operatori supportano nell’orientamento al lavoro, nel territorio e per l’ attività di segretariato varie.

Abitualmente vengono coinvolti gli ospiti in diverse attività ricreative: Ping-pong, calcio balilla, giochi di carte, cineforum, attività laboratoriali.

Da Marzo ad Agosto 2022 sono stati organizzati il Progetto “Giardini Sociali”, il Progetto “Art& Insieme” e il Progetto di Artigianato.

Le attività laboratoriali oltre ad essere dei passatempi, sono anche finalizzate alla creazione di un clima di collaborazione verso il raggiungimento di un obiettivo comune. Inoltre gli ospiti hanno la possibilità di esprimere le proprie idee e realizzarle. Il fine centrale è quello di favorire il senso di appartenenza al luogo e di rafforzare i legami sia tra ospiti che con gli operatori

Acquistati materiale parasanitario, farmaci, prodotti alimentari e di igiene personale

Una risposta corale e generosa quella che è stata data dai lavoratori all’invito delle cooperative “Il Cigno”, “Team Service” e “Project Work Italia” di destinare gli emolumenti di tre ore del proprio lavoro per poter sostenere il popolo ucraino che sta vivendo il dramma della guerra.

All’adesione capillare dei collaboratori si è aggiunta quella delle famiglie degli ospiti delle strutture assistenziali che hanno donato materiale di prima necessità.

Grazie a questo esteso gesto di solidarietà sono stati raccolti complessivamente 12.166,69 euro, un importo che è stato raddoppiato grazie all’intervento diretto delle cooperative promotrici; pertanto la somma complessiva raccolta è risultata pari ad 24.333,38 euro. Si tratta di una somma che è stata destinata all’acquisto di materiale parasanitario, farmaci, alimentare ed igiene personale, di cui il popolo ucraino ha assoluta necessità.

Nel centro raccolta di San Giovanni in Marignano i fornitori hanno consegnato il materiale ai rappresentanti delle cooperative che è stato poi inviato in Ucraina

“Come è già avvenuto in passato per altre emergenze umanitarie - spiegano il presidente della cooperativa Il Cigno Roberto Campacci e la direttrice generale Annagrazia Giannini - la guerra in Ucraina, con i tragici eventi in corso ha mobilitato anche le nostre cooperative così come tanti altri sodalizi del nostro Paese per esprimere la propria fattiva vicinanza al martoriato popolo ucraino aggredito. Nelle nostre strutture lavorano 13 persone di nazionalità ucraina che hanno familiari, parenti ed amici che si trovavano in quel paese martoriato dallo scoppio della guerra, ai quali siamo particolarmente vicini e ai quali abbiamo voluto far sentire la nostra vicinanza ed il nostro sostegno”.

“Insieme a tutti i nostri coordinatori delle strutture e servizi - aggiungono il presidente e la direttrice generale - abbiamo incontrato una rappresentanza di questi lavoratori ucraini dando vita ad un apposito comitato allo scopo di fornire sostegno e aiuto attraverso atti concreti di solidarietà raccogliendo da loro stessi, segnalazioni relative a tutte le necessità e i bisogni del popolo ucraino. Il comitato ha operato con dedizione ed efficacia. Siamo veramente orgogliosi di come i nostri lavoratori si siano coinvolti e parimenti lo siamo per la risposta avuta dai familiari dei nostri ospiti, un segnale di grande coesione che ci gratifica. Nei giorni scorsi abbiamo ricevuto una comunicazione da parte di ONG “Ucraina SOS” che ci ringraziava per aver inviato anche carrozzine e deambulatori necessari ai bisogni speciali delle persone. Grazie all’apporto di tutti abbiamo fornito il nostro sentito contributo al popolo ucraino martoriato”.

Nella foto la centenaria Elsa Passerini

Alla Residenza per anziani non autosufficienti 'Violante Malatesta' si è svolta, in maniera sobria e con le cautele che la perdurante convivenza col Covid richiedono, la festa per i cent’anni dell’ ospite Elsa Passerini, a cui sono intervenuti l’assessore al Welfare del Comune di Cesena Carmelina Labruzzo e il parroco della chiesa di Case Finali don Marcello Palazzi.

“Elsa Passerini- rimarca la coordinatrice di struttura Matilde Marletta - è nata nel 1922 a Cesena da una famiglia numerosa di agricoltori e ha nella sua vita lavorato la terra. Non si è sposata. E’ ospite della Violante Malatesta dal 2019, è una donna lucida, si compiace di poter contare sulle amorevoli cure del personale che è diventato, come ama spesso ripetere, la sua famiglia. Ama molto la musica, partecipa con passione alle attività e le piacciono i frammenti di benessere, il materanage e le coccole delle nostre operatrici. E’ stata molto felice di essere onorata della presenza dell’assessore Labruzzo e del parroco don Palazzi e si è detta incredula di come il secolo vissuto sia passato così in fretta. Per tutta la nostra struttura il compleanno di Elsa è stato un momento di grande gioia e intimità affettuosa”